BORGHI d' ITALIA

24 - 26 OTTOBRE

 

anghiari-centro-storico-panorama-valtiberina-toscana-header2

 

Sabato 24 ottobre :

Ritrovo dei Signori Partecipanti nei luoghi e all’ora prestabilita, sistemazione in autopullman e partenza per la Toscana con soste di ristoro lungo il tragitto. Arrivo ad Anghiari , incontro con la guida ed inizio della visita del borgo. Anghiari, dal latino angularium o dal germanico longobardo ango,in altotiberino e biturgens Angdieri, Anghièri (senza fonte) in anghiarese) è un comune italiano di 5.561 abitanti della Provincia di Arezzo in Toscana.

È inserito tra i borghi piu’ belli d’Italia, paese Bandiera arancione e Città Slow (città del buon vivere).

La fama di Anghiari nasce dal fatto di essere stata teatro della battaglia combattuta nell'anno 1440 tra i Fiorentini e i Milanesi, e in seguito dipinta da Leonardo da Vinci.

Pranzo libero. Nel pomeriggio visita di Cortona

Al confine tra  Toscana e Umbria, Cortona si trova su una collina a quasi 500 metri sul livello del mare.Come lo era per gli Etruschi, Cortona tutt'oggi si trova in una posizione strategica che permette con brevi spostamenti, di raggiungere importanti centri artistici e culturali.

Cortona, è un comune italiano di 22.057 abitanti in provincia di Arezzo, principale centro culturale e turistico della Val di Chiana aretina. La superficie del territorio comunale e’ la 4° piu’ estesa dlela Topscana (la seconda escludendo i capoluoghi di provincia) e la 30° in Italia. Antica lucumonia facente parte della dodecpaoli etrusca, situata a sud della provincia di Arezzo e a sud-est della regione Toscana al confine con la regione Umbria.

Trasferimento ad Attigliano, sistemazione nell’hotel previsto, cena e pernottamento.

Domenica 25 ottobre

dopo la prima colazione, trasferimento e visita dei borghi di Pitigliano e Sorano. Pitigliano è un bellissimo borgo medievale, situato nel Grossetano su una rupe di tufo. Per la storica presenza di una comunità ebraica, il centro storico di questa località Toscana e’ nota come la piccola Gerusalemme. Nonostante i legami con la comunità ebraica, Pitigliano è famosa per la presenza di molte Chiese, tra le quali spicca la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo. La chiesa ha una meravigliosa facciata tipica dell’epoca tardo-barocca e un campanile, che ha conservato la parte superiore nell’originaria architettura realizzata in tufo. Anche l’interno della chiesa è realizzato in stile barocco e contiene splendide opere d’arte.Pranzo in ristorante.Nel pomeriggio incontro con la guida e visita di Sorano

l territorio di Sorano è situato sul versante ovest del gruppo collinare che sale molto lentamente dalla valle del fiume Fiora fino ai Monti Volsini, frangia settentrionale del cono vulcanico del lago di Bolsena.

L’area è caratterizzata da ampi pianori tufacei  di circa 300/400 metri di altitudine originatisi in seguito all’attività del distretto vulcanico vulsineo. Le ceneri proiettate dal vulcano si espansero formando una spessa coltre di tufi stratificati di varia consistenza e colore, ricoprenti terreni sabbiosi, ghiaiosi e argillosi di epoca quaternaria e pliocenica.

L’ampio tavolato creatosi tra i 600 mila e i 100 mila anni fa è attraversato da numerosi corsi d’acqua, come la Lente, i quali formano strette vallate dai fianchi assai ripidi.

I numerosi ripiani sono quasi privi di vegetazione ed interessati da coltivazioni irrigue, da vigneti e oliveti. Buona parte del territorio è coperta dalla macchia mediterranea costituita da bosco ceduo con numerose  querce, lecci, noccioli e faggi. Nelle zone più elevate e fresche del territorio come per esempio a Montevitozzo sono presenti i boschi di faggio.

Molte sono anche le piante officinali spontanee come la rosa canina, il fiordaliso, il mentastro, la malva, la salvia etc..

Mentre per quanto riguarda la fauna si segnalano: la lontra, il lupo, la martora, l’istrice, la nutria, la lepre, il capriolo, il cinghiale. Molti sono i rapaci notturni come il biancone, il nibbio e poi anatre, aironi, tra i pesci barbi, cavedani, trote fario, e tra le specie immesse dall’uomo il gambero di fiume.

Trasferimento in hotel , cena e pernottamento in Hotel.

Lunedi 26 ottobre:

Visita della citta’ di Tuscania con guida

 

È uno dei più bei paesaggi della Tuscia (l’antica Etruria meridionale) quello che si gode dalle mura medievali di Tuscania, città d’arte della provincia di Viterbo, circondata da una dolce e intatta campagna, per gran parte tutelata come riserva naturale. Due le leggende mitologiche sull'origine della città: la prima, riportata dallo storico romano Tito Annio Lusco, vorrebbe Tuscania fondata dal figlio di Enea, Ascanio, sul luogo del ritrovamento di dodici cuccioli di cane,(da cui il nome latino Tus-cana) mentre una seconda indica come fondatore Tusco, figlio di Ercole e di Araxe.

Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio rientro a Novara e arrivo in serata

Quota individuale di partecipazione: € 310,00

Supplemento singola: € 30,00 su riconferma - Quota calcolata per minimo 35 partecipanti

LA QUOTA COMPRENDE:

- Viaggio in autopullman GT

- Sistemazione in camera doppia in hotel

- Trattamento di mezza pensione

- 2 pranzi in ristorante

- Guida come programma

- Accompagnatrice

- Assicurazione

LA QUOTA NON COMPRENDE:

- Le mance, gli extra di carattere personale,

- Tutto quanto non espressamente specificato alla voce

 

 

 

Costo

310,00 quota partecipazione €30 supplemento singola, Quota calcolata per minimo 35 persone
  • LA QUOTA COMPRENDE
  • Viaggio in pulman gt
  • Sistemazione in camera doppia in hotel
  • Trattamento di mezza pensione
  • Due pranzi in ristorante
  • guida come da programma
  • Assicurazione
  • Accompagnatrice
  • LA QUOTA NON COMPRENDE:
  • Le mance, gli extra di carattere personale
  • Tutto quando non specificatamente indicato alla voce "la quota comprende"
  • Tutto quanto non menzionato alla voce "la quota comprende"

Condividi

Per prenotare o per maggiori informazioni chiamaci

 

366/4282665 - 0321/032045